Radiofrequenza: medicina estetica sempre meno invasiva

6 Set

Radiofrequenza: medicina estetica sempre meno invasiva

Demi Moore, Kylie Minogue e Liv Tyler sono solo alcune delle star che, per ridare freschezza al loro volto, hanno fatto ricorso alla radiofrequenza, un trattamento estetico che si sta sempre più diffondendo anche tra la gente comune.

Di fatto viene sempre più preferito, per talune problematiche, all’utilizzo del bisturi nei classici interventi di lifting.

Come funziona:
La radiofrequenza si basa sulla capacità delle onde radio di generare calore a livello del derma sottocutaneo, stimolando i fibroblasti a produrre nuovo collagene ed elastina e favorendo inoltre la circolazione sanguigna, con la conseguente riduzione della ritenzione idrica e l’aumento dell’apporto di ossigeno ai tessuti.

Cosa risolve ?
Indolore, efficace e poco o per nulla invasivo, si può applicare sia al viso che a varie parti del corpo (braccia, addome, cosce).
La radiofrequenza viso, conosciuta anche come lifting senza bisturi, riduce visibilmente le rughe, migliora il tono di mento, collo e decolleté e ridefinisce l’ovale, portando a un quasi immediato ringiovanimento.
Questo trattamento risulta efficace anche contro gli inestetismi del corpo, come cellulite, smagliature, cicatrici e lassità cutanea.

Radiofrequenza estetica e radiofrequenza medica
A seconda del tipo di strumento utilizzato, la radiofrequenza può raggiungere i tessuti in minore o maggiore profondità, risultando in quest’ultimo caso più efficace. La radiofrequenza estetica, praticata nei saloni di bellezza, presenta risultati ridotti rispetto a quella medica in quanto i dispositivi utilizzati non possono essere regolati e non riescono a stimolare i tessuti in profondità.
Nei centri medici in cui la radiofrequenza è applicata a fini estetici, il chirurgo regola la potenza del dispositivo sulle necessità della parte del corpo da trattare e di conseguenza i risultati sono migliori e più duraturi.

Tipologie di trattamento
Esistono varie tipologie di cura a seconda delle caratteristiche delle parti da trattare:

  • Radiofrequenza monopolare: per rassodare addome, fianchi glutei e interno cosce, in quanto arriva in profondità.
  • Radiofrequenza bipolare: essendo più superficiale si applica ai trattamenti di viso, collo, mani e decolleté
  • Radiofrequenza multipolare: utile per ridurre le rughe e gli accumuli adiposi.
  • Radiofrequenza frazionata: causa dei microtraumi alla pelle determinando un effetto peeling perfetto contro cicatrici, smagliature e macchie cutanee

In questi trattamenti in realtà i poli sono sempre e solo due (positivo e negativo) . Quando si parla di radiofrequenza multipolare significa che i poli entrano in funzione a coppie in maniera alternata e si avrà il passaggio di onde radio che agiranno sulla cute che sta tra di i due poli.

Controindicazioni
La radiofrequenza non comporta effetti collaterali ma è importante che sia eseguita da personale specializzato.
E’ indolore anche se può talvolta causare arrossamenti e fastidi nelle aree più sensibili e per questo motivo di consiglia l’applicazione di una crema anestetica circa un’ora prima della seduta.
Non devono tuttavia sottoporsi a radiofrequenza le donne durante la gravidanza e l’allattamento e coloro che soffrono di disturbi al cuore o sono portatori di pacemaker.

Summary
Radiofrequenza: medicina estetica sempre meno invasiva
Article Name
Radiofrequenza: medicina estetica sempre meno invasiva
Description
Demi Moore, Kylie Minogue e Liv Tyler sono solo alcune delle star che, per ridare freschezza al loro volto, hanno fatto ricorso alla radiofrequenza.
Author
Publisher Name
Dott Federico Quasso
facebook